Vinoé di Antonietta Mazzeo - Olioè di Antonietta Mazzeo

+39 3203460557 - antoniettamazzeo@vinoediam.com 

  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey YouTube Icona

La Palazzona di Maggio e il ristorante Al Pappagallo

January 21, 2019

 

La Palazzona di Maggio e il ristorante Al Pappagallo
La storia di quattro generazioni di viticoltori incontra tradizione del gusto bolognese

 

Palazzona di Maggio ha scelto il ristorante Al Pappagallo, dimora del buon gusto e luogo simbolo della gastronomia bolognese per la presentazione dei suoi vini,  che sono stati accompagnati dalla cucina tradizionale e creativa dello Chef Michele Pettinicchio.

 La tenuta Palazzona di Maggio situata sulle colline di San Pietro di Ozzano Emilia in Emilia Romagna, a metà strada tra Bologna e Imola, vanta una storia che risale agli anni ’60 quando Luigi Perdisa piantò ampie superfici di Sangiovese e Albana affiancandole ad alcuni vitigni internazionali come Cabernet Franc, Chardonnay, Merlot. Da allora, per ben quattro generazioni, la famiglia Perdisa coltiva con grande rispetto della natura i propri vigneti e produce vini di qualità, abbracciando l’innovazione con le più innovative pratiche agronomiche ed enologiche, ma con i piedi ben piantati nella tradizione.

I vigneti coprono una superficie di 15,5 ettari, sui circa 60 della tenuta e sono coltivati a spalliera con potatura a cordone speronato. La densità d’impianto è molto alta, almeno 5500 piante per ettaro: sono state prese tutte le accortezze per produrre vini di qualità. Nulla è lasciato al caso, seguendo gli insegnamenti del grande agronomo Luigi,  la famiglia Perdisa con Alberto, la moglie Antonella e i figli Federico e Filippo coltiva oggi le medesime varietà scelte a suo tempo dal capostipite; “mamma Antonella” e “babbo Alberto”, sono le colonne portanti della Palazzona, guidano il team con esperienza e affetto. La viticoltura e l’enologia sono tradizioni che si perpetuano di generazione in generazione ed è grazie a Federico “Il vignaiolo” che nascono i nostri grandi vini. Filippo è “il poliedrico” di famiglia, attivissimo sia in vigna, sia nelle pubbliche relazioni e nella gestione di eventi, Caterina, “l’intellettuale”, ha ereditato da mamma Antonella lo charme e il savoir faire, si occupa della comunicazione e dell’ufficio stampa di Palazzona.

I vini testimoniano il  legame che c’è tra una famiglia e la propria terra, una relazione che si percepisce all’assaggio. L’impronta del territorio è netta, ricorda i sapori di queste colline, della terra, degli alberi e del gesso, delle vicine Calcanche dell’Abbadessa e del parco dei Gessi Bolognesi. Lo stile è austero, vini dalle sfaccettature cangianti, screziati di note erbacee e suggestioni minerali che si mescolano ad un componimento in continua evoluzione, di buona struttura e persistenza. Frutti enologici policromi, sfumature di note erbacee e influenze minerali che si mescolano in continua evoluzione. Al palato, la struttura è possente, lunga la persistenza,  un intensità che nasce in vigna, dove ogni operazione è svolta manualmente, nel pieno rispetto del vigneto e delle caratteristiche del territorio. La resa per pianta è bassa e le macerazioni sono lunghe; l’affinamento in botte a cui ne segue un altro in bottiglia, originano vini che possono aspirare ad un lungo invecchiamento.

Menu degustazione:

•    Cannoli di piadina al nero di seppia con mousse di salame rosa su crema di parmigiano reggiano

Aspro 2018
Spumante Extra Brut rifermentato in autoclave 
100% Sangiovese
Colore rosa molto tenue con sfumature buccia di cipolla, perlage finissimo. Viola e ciliegia, petali di rosa e melograno, note agrumate. Fresco e minerale con finale pulito e buona persistenza

•    Polpetta di cappone su crema di patate e porro fragrante

Aspro 2018

•    Tortellino al mignolo in doppio brodo di cappone

Maleto 2017
100% Chardonnay
Colli d’Imola Chardonnay DOP 
Colore giallo tendente al dorato, trasparente. Sentori di mela verde, ananas, pera volpina e fiori di campo. Buona acidità, strutturato con finale asciutto e pulito

•    Tortellino in crema di latte al parmigiano reggiano d’alpeggio dei nostri colli 30 mesi DOP

Ulziano 2017
Romagna sangiovese superiore DOP 
90% Sangiovese 10% Ciliegiolo
Colore rosso rubino e riflessi violacei Sentori di viola, frutti rossi e bacche, fiori di rosa e spezie dolci. Sapido, intenso, con equilibrata acidità e tannini croccanti.

•    Quaglia al forno laccata al miele con carota brasata e lamponi freschi 

Dracone 2015
Colli d’Imola rosso DOP
50% Merlot 40% Cabernet Franc 10% Petit Verdot
Colore rosso rubino di media trasparenza. Sentori di confettura, frutta rossa, frutti di bosco, ribes, tabacco e pepe nero. Rotondo, equilibrato e persistente. Tannini decisi ma morbidi.

•    Bollito di Lingua di Manzo su salsa verde Bolognese con mostarde e composte

Dracone Riserva 2009
Colli d’Imola rosso riserva DOP
45% Merlot 45% Cabernet Franc 10% Petit Verdot
Colore rosso rubino vivace e concentrato. Sentori di confettura, frutta rossa, frutti di bosco, ribes, tabacco e pepe nero. Gusto rotondo, equilibrato e persistente. Tannini levigati, finale speziato e minerale 
            
•    Dolci Della Tradizione Bolognese

 

 

Al Pappagallo
Piazza della Mercanzia, 3
40125 Bologna (BO)
+39 051 232807
ristorante@alpappagallo.it
www.alpappagallo.it

 

Palazzona di Maggio
via Panzacchi, 16
40064, Ozzano dell’Emilia (BO)
Tel. +39 335 397030
lapalazzona@gmail.com
www.palazzonadimaggio.it

 

 

 


 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

DEGUSTA LA PUGLIA - Milano 11 novembre 2019

October 30, 2019

1/6
Please reload

Post recenti