Vinoé di Antonietta Mazzeo - Olioè di Antonietta Mazzeo

+39 3203460557 - antoniettamazzeo@vinoediam.com 

  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey YouTube Icona

Cà di Frara

 

 

Cà di Frara

Il gesso, la marna e l’argilla, un territorio, una cultura, uno stile di vita che esprime tutti i sapori della tradizione vinicola italiana.

 

di Antonietta Mazzeo

 

Armoniose e suggestive colline, riparate dai venti di levante e di ponente da alture più elevate, un’isola nell’Oltrepò Pavese tra i comuni di Oliva Gessi e Mornico Losana, riflesso di antica cultura popolare e tradizioni, nomi espressivi e caratterizzanti, toponimi precisi: il primo, nella cosiddetta Valle del Riesling, ad indicare terreni gessosi e calcarei che contribuiscono a produrre vini fini ed eleganti con un’intensa mineralità (Riesling, Pinot Grigio e Pinot Bianco); il secondo caratterizzato da substrati di argilla, sabbia e marna donano finezza a vini con pigmentazioni molto intense, di buon corpo, sensazioni olfattive persistenti, con buona acidità e morbidezza, vini fatti per essere longevi (Pinot Nero e Chardonnay, e vitigni a bacca rossa).

 

“ … Per realizzare prodotti con una chiara identità è indispensabile assecondare gli elementi naturali che caratterizzano un territorio …”

 

Un terroir generoso e versatile con un microclima caratterizzato da una temperatura mite in inverno ed uniformemente calda e ventilata in estate, l’ideale ambientazione dei magnifici vigneti di Cà di Frara, una delle aziende più rappresentative dell’Oltrepò, per vocazione impiantati “…rispettando i boschi di acacie, le siepi di more e i cespugli di rose canine …”

 

Un grande passato con un piede nel futuro; quattro generazioni hanno segnato la storia di Cà di Frara, iniziata nel 1905, da Francesco, bisnonno dell’attuale proprietario ed enologo, Luca Bellani, con l’acquisto 15 ettari di vigneti in questa stretta vallata vocata per la coltivazione della vite. Oggi gli ettari sono quasi 50 per una produzione di circa 400.000 bottiglie, e Luca con l’aiuto del fratello Matteo, del cugino Gianluigi, agronomo, e di Veronica Barri, Managing Director, mediante l'acquisizione di nuovi vigneti, selezioni clonali mirate,  ampliamento della cantina con nuovi materiali e tecniche di vinificazione, sta realizzando un progetto orientato al rispetto totale per il prodotto, coniugando la tradizione con la migliore e più moderna tecnica vitivinicola

 

“… Il lavoro è teso ad esaltare il processo armonioso della natura, così generosa in questi luoghi …”

 

A Cà di Frara si è sempre prestata molta attenzione alla scelta dei terreni più adatti ai diversi vitigni utilizzati nel territorio: una scelta segnata dall’esempio e dall’opera di un grande vignaiolo come Tullio Bellani, padre di Luca, che sulla fine degli anni Settanta, portando l'impronta dell'innovazione ha saputo dare la massima espressione ad ogni vigneto.

 

In ogni fase di lavoro c’è sempre grande attenzione al ridurre al minimo l’impatto ambientale, da sempre, in tutti i vigneti si attuano coltivazioni naturali ed i trattamenti anticrittogamici sono controllati e ridotti al minimo con prodotti non inquinanti. L’uva è raccolta esclusivamente a mano e portata in cantina di vinificazione unicamente in cassette. La pigiatura soffice e la successiva fermentazione in purezza a temperatura controllata, certificano il rispetto totale del prodotto, per risultati unici, uve che poi diventeranno Riesling, Pinot Grigio, Pinot Nero, Chardonnay e Bonarda; vini fermi o con le bollicine che, con una precisa identità, interpretano le principali varietà vinicole della zona nelle sue diverse espressioni.

Tutti i vini messi in bottiglia sono frutto di un progetto di qualità, qui si producono spumanti metodo classico che non temono di mettersi in competizione, né con le produzioni “nazionali” né, tanto meno con quelle dei nostri cugini d’Oltralpe.

 

In occasione della 50° vendemmia 1961-2011, verranno immesse sul mercato le “edizioni speciali” con sboccature 2018, Oltre il Classico Extra Brut  – V.S.Q. Pinot Nero Metodo Classico e Oltre il Classico Extra Brut Rosé – V.S.Q. Pinot Nero Rosato Metodo Classico, spumanti che regalano nasi fini e profumati con bocche articolate, fresche, eleganti e dal finale minerale e sottile.

 

Luca, dinamico, estroverso, e con un carattere deciso, ci sorprende di anno in anno per gli elevati standard qualitativi raggiunti in forza di un profondo rispetto della tradizione, la creatività ed una totale dedizione alla viticultura, valori che rispecchiano lo stile di un’ azienda in continua crescita e progresso.

 

#vinoediantoniettamazzeo

#lamadiatravelfood

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

DEGUSTA LA PUGLIA - Milano 11 novembre 2019

October 30, 2019

1/6
Please reload

Post recenti